Diabete e sovrappeso

Il diabete mellito di tipo 2 rappresenta il 90% - 95 % di tutti i casi di diabete e si sviluppa prevalentemente in età adulta, a partire dai 40 anni, anche se negli ultimi anni sono aumentati i casi in età adolescenziale.

Il diabete mellito di tipo 2 può essere considerata una patologia cronica, caratterizzata da:

  1. insufficiente produzione di insulina da parte del pancreas. In questo caso parliamo di deficit di secrezione di insulina.
  2. un azione in maniera non corretta dell’insulina prodotta dal pancreas, la cosiddetta insulino resistenza.


L'insulina è l’ormone prodotto dal pancreas.

La sua funzione è facilitare l’entrata del glucosio (zucchero) circolante, derivato dal consumo e successiva digestione degli alimenti, all’interno delle cellule del tuo corpo.

Quando il pancreas non produce una quantità sufficiente di insulina, oppure nel caso in cui le cellule di alcuni organi, come ad esempio muscoli, fegato, tessuto adiposo, non rispondono in maniera corretta allo stimolo ormonale, il tuo corpo non può utilizzare il glucosio circolante come fonte di energia per il funzionamento del tuo organismo.

In questo modo il glucosio resta nel sangue ed i suoi livelli salgono provocando il fenomeno della iperglicemia.

Secondo l’American Diabetes Association valori di glicemia uguali o superiori a 126 mg/dl sono da considerarsi probabili sintomi per lo sviluppo del diabete mellito di tipo 2.

FATTORI DI RISCHIO PER LO SVILUPPO DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2

Tra le cause alla base dell’insorgenza della malattia ci sono fattori ereditari ed ambientali.

Alcuni  studi hanno evidenziato che esiste un fattore di trasmissione ereditario che potrebbe esporre  alcune famiglie a questa patologia.

Non dimentichiamoci che l’obesità è uno dei fattori che predispongono allo sviluppo del diabete mellito di tipo 2

Tutte le tue le cellule hanno bisogno di benzina, sotto forma di glucosio per funzionare.

Risulta evidente che maggiore è il numero di cellule da nutrire e maggiore sarà il fabbisogno di insulina per permettere al glucosio di entrare nelle cellule stesse.

Nelle persone obese, quindi, l’insulina viene prodotta ma non in quantità sufficiente.

Tra i fattori ambientali scatenanti il diabete mellito di tipo 2 abbiamo:

    • vita sedentaria
    • stress
    • alcune malattie


Questi tre fattori sottopongono il pancreas ad un lavoro aggiuntivo poiché aumentano il fabbisogno di glucosio e quindi di insulina.

Non sottovalutiamo anche i seguenti fattori di rischio che portano alcune persone ad essere più predisposte di altre a sviluppare il diabete mellito di tipo 2:

  • colesterolo HDL, minore o uguale a 35 mg/dl
  • trigliceridi, maggiori o uguali a 250 mg/dl
  • sedentarietà
  • obesità, BMI maggiore o uguale a 30 kg/mq
  • ipertensione, PA diastolica maggiore o uguale a 90mmHg e/o PA sistolica maggiore o uguale a 140 mmHg.

Sindrome metabolica: sintomi, cause, rimedi

La sindrome metabolica con i suoi sintomi colpisce circa il 23% della popolazione italiana.
Leggi...
Tags : omega 3,

Omega 3, diabete e sovrappeso

L’assunzione di Omega 3, nel paziente con diabete, porta ad una riduzione del suo peso corporeo.
Leggi...
Tags : omega 3,