Curcuma, proprietà antinfiammatorie

2017-02-20 10:00:00 Published In: Ridurre l'infiammazione
Il 22 febbraio 2017, il biologo nutrizionista Brium ha tenuto il seminario online “La curcuma come antinfiammatorio”.

Ringraziamo per le numerose presenze e per l’interesse dimostrato dai partecipanti al tema!

Durante la presentazione si è evidenziata l’importanza della tipologia della curcuma che assumi affinché possa avere un effetto antinfiammatorio.

Solo scegliendo oculatamente la forma di assunzione la curcuma avrà i benefici desiderati.

Il motivo? La curcuma è facilmente denaturata e viene poco assorbita dal tuo intestino e di conseguenza facilmente eliminata.

CURCUMA COME ASSUMERLA

Quali sono le forme migliori di assunzione? In ordine di efficacia:

  1. Estratto secco titolato e lavorato in fitosomi
  2. Estratto secco


Un estratto secco, in primo luogo è titolato in curcumina, perciò sai quanto principio attivo stai assumendo, ed è solo il principio attivo che garantisce che la curcuma abbia proprietà antinfiammatorie.

Se poi l’ estratto secco è stato lavorato per essere inserito in un grasso buono, i fosfolipidi della soia, a formare i fitosomi, questo permetterà:

  • di facilitare l’assorbimento della curcuma, e del principio attivo curcumina, a livello intestinale
  • di evitare che la curcuma, ed il principio attivo la curcumina, sia eliminata facilmente


Per chi avesse dubbi sui fosfolipidi della soia, ricordo che le membrane di tutte le nostre cellule sono formate da fosfolipidi!

Le potenzialità di questa curcuma, con estratto secco titolato in curcumina e fitosomica, sono poi state dimostrate illustrando alcuni studi in cui pazienti con osteoartrite hanno tratto benefici a livello di:

  • abbassamento del dolore
  • miglioramento della mobilità articolare
  • miglioramento nelle camminate

Le altre forme, polvere e radice, nemmeno le inserisco in classifica perché:

  • non riportano quanta curcumina contengono, ricordati che la curcumina è il principio attivo, e rifacendomi ad una famosa pubblicità: NO principio attivo … NO effetto benefico!


Inoltre la curcuma, che contengono la radice e la polvere, sarà facilmente denaturata ed eliminata.

CONCLUSIONE

La migliore curcuma da assumere, per avere proprietà antinfiammatorie, deve essere un estratto secco fitosomico.

Se vuoi unirti alle persone che già lo utilizzano e beneficiare dei suoi effetti, puoi acquistare gli Integratori Curcuma Brium nella confezione da 60 capsule.

Esperto Brium



Buona vita in salute!

L'Esperto Brium

esperto@brium.it

Lascia un commento

0 Commenti

(*) Campi obbligatori