A cosa serve la curcuma?

2016-07-25 07:21:43 Published In: Ridurre l'infiammazione
Avrai sicuramente sentito parlare tanto di questa polvere arancione chiamata curcuma.

Il mio obiettivo in questo articolo sarà, con il supporto di articoli scientifici, di rispondere alla domanda:
a cosa serve la curcuma?

Per iniziare a rispondere, è utile definire cos’è la curcuma.

La Curcuma Longa è una pianta originaria di Asia, India ed Indonesia.
Dai suoi rizomi si ottiene l'estratto secco ricco di curcuminoidi, polifenoli con proprietà antiossidanti.
Uno dei curcuminodi più conosciuto è la curcumina, il principio attivo della curcuma.

Per l’impiego della curcuma è fondamentale processare la polvere secca affinché possa raggiungere un livello elevato di assorbimento.

Questo è un punto importante !!!
La polvere che trovi al supermercato, in erboristeria, oppure in qualche ecommerce a basso prezzo, non è stata trattata, e perciò sarà poco disponibile una volta che l’avrai ingerita e sarà assorbita in bassissime quantità.

QUALE TIPO DI CURCUMA ASSUMERE?

Se ti interessa sapere a cosa serve la curcuma, prima dovrai identificare per bene quale tipo di curcuma stai assumendo:

  1. una polvere normale
  2. una polvere, estratto secco titolato, che è stata processata ed arricchita con dei grassi naturali (fosfolipidi di soia) e successivamente inserita in capsule vegetali


Nel primo caso, si tratta di una polvere che puoi trovare:

  • al supermercato,
  • in erboristeria,
  • in qualche ecommerce a basso prezzo


Per ottenere dei benefici, dovrai assumerne circa 12 grammi al giorno!
Corrispondono a circa un cucchiaio da minestra bello pieno.

Attenzione, in questo caso potrai avere degli effetti collaterali, in quanto la curcuma è anche un potente colorante, ti troverai con i denti a e la lingua di un bel colore arancione!

Nel secondo caso, estratto secco processato, arricchito ed inserito in capsule vegetali, ne potrai assumere circa 1 grammo al giorno, ad esempio 2 capsule da mezzo grammo, in quanto questa preparazione permette alla curcuma, ed alla curcumina, di essere facilmente assorbita dall’intestino e molto meno esposta a certi fenomeni di denaturazione (glucuronazione) che ne bloccherebbero la sua azione.

In questo caso si tratta di un estratto secco in capsule che trovi in alcuni integratori alimentari, come ad esempio Brium Curcuma.

Adesso che abbiamo definito cos’è la curcuma e sappiamo scegliere quella migliore, sarà più facile comprendere a cosa serve la curcuma.

A COSA SERVE LA CURCUMA?

La Curcuma grazie ai curcuminoidi contenuti, nello specifico la curcumina, svolge un’azione:

  • antiossidante, in quanto protegge le tue cellule dagli effetti nocivi dei radicali liberi
  • antinfiammatoria, in quanto sviluppa un meccanismo di inibizione enzimatica, paragonabile all'azione dei farmaci antinfiammatori.


Per questi motivi, ecco a cosa serve la curcuma:

  • come supporto nel trattamento delle patologie infiammatorie gastrointestinale:
    colite ulcerativa, ulcera gastrica
  • come aiuto nella prevenzione dell'invecchiamento delle tue cellule
  • come supporto nella gestione della patologia artritica
  • come supporto nelle patologie osteoarticolari
  • come supporto nella prevenzione delle patologie neurodegenerative:
    un esempio è l'Alzheimer
  • come supporto antitumorale,
    in quanto potrebbe inibire il processo di neoangiogenesi (formazione di nuovi vasi sanguigni) e potrebbe stimolare stimolando il processo apoptotico (morte delle cellule tumorali)

CONCLUSIONE

Ecco in breve alcuni punti importanti da ricordare:

  • i principi attivi della curcuma sono i curcuminoidi, nello specifico la curcumina
  • l’estratto secco di curcuma titolato, per essere assorbito meglio dal tuo corpo, deve essere processato ed arricchito con dei grassi naturali (lecitina di soia)
  • assumi un integratore alimentare con la curcuma, arricchita con i fosfolipidi di soia, in capsule vegetali
  • per ottenere un beneficio dall’assunzione dell’integratore alimentare, assumi la curcuma almeno per 2-3 mesi consecutivi. Negli studi più significativi, periodi di assunzione inferiori non hanno portato ad alcun beneficio.

Esperto Brium


Buona vita in salute!

L'Esperto Brium

esperto@brium.it

Lascia un commento

0 Commenti

(*) Campi obbligatori